Condividi   

Beneveitos realizzerà un video clip "territoriale" per l'artista Lou di Franco

Anche questa iniziativa è promozione del territorio. Ecco un articolo su La Nuova Sardegna che parla ancora di noi:

TERRALBA. Dalla Francia a Marceddì per girare un videoclip. La cantante Lou di Franco attraversa il mare per ritornare alle origini e attingere ancora una volta alla Sardegna per nutrire la sua arte. Lou infatti è nata e cresciuta a Terralba, e anche se la sua musica sta affascinando oltralpe, le sue radici sono sempre molto presenti.

Domenica 16 febbraio infatti dovrà girare il videoclip del suo singolo “La boussole”, e lo farà a Marceddì, la borgata dei pescatori che costituisce un luogo importante della sua infanzia e giovinezza. In Francia sta portando avanti un tour con tante date, svariate sono le interviste su riviste specializzate, emittenti radiofoniche, e da poco è uscito il suo nuovo album “Le gout des mots”. Le sue canzoni sono scritte in lingua francese o in lingua sarda, ma nonostante “la boussole” sia in francese, Luana Argiolas ha voluto che le immagini del video fossero molto “sarde”: «Se ho deciso di girare il clip a Marceddi è perché Marceddi e Terralba sono casa mia, cerco di parlarne sempre quando sono in Francia e questa è l'occasione di mostrare delle immagini sulle cose che racconto per quelli che la Sardegna la immaginano solo come una terra di mare e spiagge per turisti Vip» spiega Lou.

Il video sarà girato da Beneveitos, una casa di produzioni video tutta terralbese e appena nata. «Apprezzo tantissimo il lavoro di Graziano Atzori e di Beneveitos, mi piace anche il fatto che sarà una produzione a Km 0 e finalmente mi da la possibilità di dare una mano anche se piccola allo all'economia Terralbese» spiega Luana.

Ad essere coinvolta sarà poi tutta la comunità terralbese, visto che si cercano comparse da inserire nel video soprattutto per una scena di “folla”. «Lo scenario sardo si sposa con qualsiasi mia canzone perché la Sardegna è onnipresente nella mia vita malgrado ne sia lontana, anche se questa canzone in particolare non ne parla esplicitamente, le chiavi di lettura sono varie, il pezzo si chiama “la boussole” e penso che la Sardegna e la sua gente siano un po' come la mia stella polare – continua Lou –. Non potevo immaginare una mia canzone con immagini girate altrove. Il video doveva essere girato qui in Sardegna e con i visi dei sardi».